MENU

LABORATORI DIDATTICI PER LE SCUOLE
a/s 2019-2020



LA CASA DEI BURATTINI COME OPPORTUNITÀ EDUCATIVA
Scuole dell’infanzia, scuole primarie, scuole secondarie di 1° e 2° grado

Dal teatro di figura di Otello Sarzi, nasce un percorso espositivo dedicato ai tanti anni di carriera del grande maestro burattinaio e della sua famiglia. Dall’arte povera ai materiali da riciclo, dalla gommapiuma al lattice, tante sono le caratteristiche di innovazione che Otello apportò a questo grande mondo. Le visite guidate daranno lo spunto per coinvolgenti animazioni e laboratori tematici.

durata: 3 ore

PROGETTO ARCHIMEDE
Scuole dell’infanzia, scuole primarie, scuole secondarie di 1° grado

Laboratorio dove i materiali di recupero, da sempre fondamentali nel teatro di Otello Sarzi, saranno trasformati nei personaggi di fiabe e racconti celebri.
Si propone l’esplorazione dei diversi materiali come carta, legno, foglie, semi, metalli, plastica e stoffe con l’intento di educare i ragazzi al riciclo creativo finalizzato all’animazione teatrale.

durata: 3 ore 1/2

C’ERA UNA VOLTA UN PEZZO DI LEGNO… NO!
Scuole primarie

E se Pinocchio fosse già un bambino vero? La favola di Collodi prende vita al seguito degli incontri laboratoriali di costruzione di una parte della fiaba, dove bambini e pupazzi, interagiscono in un unico spettacolo.
Che cos’è il teatro di figura davvero? Non solo burattini e marionette, questo è certo. I bambini avranno l’opportunità di costruire alcuni dei personaggi della nota storia di Collodi ed altri di interpretarli.

durata: da un minimo di 6/7 incontri di 2/3 ore cadauno

QUADRI ANIMATI: DAL QUADRO AL BURATTINO
Scuole dell’infanzia, scuole primarie, scuole secondarie di 1° e 2° grado

Costruzione di burattini ispirati a personaggi ritratti in dipinti e loro successiva animazione. La finalità è quella di instaurare un rapporto di empatia con il dipinto e il burattino attraverso un gioco teatrale e manipolativo che stimola l’immaginazione.

durata: da un minimo di 4 incontri per 3 ore cadauno

AL GRAN TEATRO DEI BURATTINI
Scuole primaria

Burattini: piccoli, grandi, buffi e insoliti, saranno costruiti con materiali naturali. Poi dietro a un telo, il laboratorio partirà da una scenetta introduttiva inspirata da: “Il bambino nel sacco”, fiaba popolare friulana raccolta da Italo Calvino.

durata: 1 incontro di 3 ore

ASSAGGI DI COMMEDIA DELL’ARTE
Scuola primaria, scuole secondarie di 1° e 2° grado.

Presentazione dei principali burattini della Commedia dell’Arte con racconti e storie dal vivo. Diventiamo tutti Pantalone, Zanni, Innamorati, Dottori e Capitani.

durata: 1 incontro di 2 ore

TAMBURINO MAGICO
Scuole dell’Infanzia – Scuola
Primaria

Lo spettacolo nasce dall’idea di far comunicare la grammatica del clown con la performance teatrale, dunque con voce e parole, assemblato a un momento di lettura.
Tamburino Magico è un testo di Gianni Rodari che viene quindi inserito e trasformato in lettura animata.

durata: 1 incontro di 1 ora

SCULTURE CON LEGNETTI
Scuola dell’Infanzia – Scuola primaria

Partendo dall’artista contemporaneo Calder, si mostrerà un piccola animazione del mondo del teatro.
I bambini saranno invitati a dare forma ai loro personaggi fantastici che potranno animare con piccole marionette sorrette da stecchini.

durata: 1 incontro di 3 ore

A LEZIONE DI FATOLOGIA
Scuola dell’Infanzia – Scuola primaria

Alla scuola di Arcadia, la Fata Flora, maestra di fatologia, attende impaziente i bimbi per iniziare la prima lezione.
La narrazione, condotta in modo classico e semplice per lasciare spazio alla fantasia degli ascoltatori viene alternata a vivaci scene di clownerie, aumentando ulteriormente il contrasto e la vivacità dell’incontro dando continuità alle storie.
durata: 1 incontro di 1 ore

LA MOSTRA:
“DA VENTOTENE ALL’EUROPA UNITA CON I BURATTINI DI ERNESTO ROSSI”
Per alunni delle classi 4° e 5° scuola primaria e secondarie di 1° e 2° grado

1941
Nell’isola di Ventotene Ernesto Rossi, Altiero Spinelli e altri antifascisti lì confinati, hanno dato voce all’idea di Europa unita. Ernesto Rossi era appassionato cultore di burattini e del teatro di figura. Al fine di valorizzarne e attualizzarne la memoria, la Fondazione sta allestendo un pacchetto di iniziative didattiche e divulgative comprendente: – una mostra che, attraverso documenti originali e fotografie illustri la modernità del pensiero che ha prodotto il Manifesto di Ventotene; – un film documentario che racconta il viaggio dei Burattini di Ernesto Rossi a Ventotene e il loro incontro con la popolazione e gli studenti delle scuole locali per rilanciare insieme l’idea dell’Europa unita, della proposta di accoglienza e di apertura umana verso i cambiamenti sociali della nostra epoca.

La Mostra è disponibile per essere esposta in ambienti scolastici. Per informazioni telefonare in sede.

 

ATTIVITÀ RIVOLTE ALLE FAMIGLIE

Laboratori, animazioni, spettacoli, narrazioni, visite guidate, eventi, mostre che si svolgono all’interno della Casa dei Burattini sono rivolte anche ai bambini e alle famiglie. Possono essere concordati, direttamente o tramite gli insegnanti, percorsi specifici rivolti alle famiglie sulla produzione di burattini e sul teatro di figura o piccoli teatrini sul loro valore educativo.

OPPORTUNITÀ PER GLI INSEGNANTI

La Fondazione è a disposizione degli insegnanti per tutte le informazioni e gli approfondimenti che si rendono necessari e alla ideazione di attività personalizzate.

LINEE GUIDA E OBIETTIVI EDUCATIVI

L’esperienza del fare nel Teatro di Figura… è incanto.
Gli spazi utilizzati si animano, sembrano semplici luoghi e gli oggetti più poveri paiono cose inermi o banali ma nella magia del Teatro…l’aula, la palestra, il banco, i materiali e noi stessi oltrepassiamo l’adesso, saltando nel mondo della fantasia, dove tutto è possibile.
Guardando, costruendo, muovendo le mani, agendo con il corpo, usando la voce, le CLASSI possono realizzare un viaggio che diventa una scoperta verso mondi inesplorati e ricchi di sorprese.
L’esprimersi è un fatto primitivo connesso con la nostra essenziale struttura corporea.
Il famoso storico d’arte C. Argan affermava che attraverso l’espressione si ha «una progressiva conquista e assimilazione dell’ambiente circostante in un continuo integrarsi ove l’ambiente passa in noi e noi ci espandiamo nell’ambiente»

L’espressione artistica teatrale consente di conoscere quel che portiamo

Sarebbe riduttivo e scorretto associare il Teatro di Figura a una semplicistica rappresentazione di burattini rivolta ad una sola età. Acquisendo strumenti espressivi alternativi si impara, in ogni fase della vita, un modo diverso di raccontarsi.
Offrire ai nostri bambini e ragazzi qualcosa con cui identificarsi, imparando a manipolare le paure, pregi e difetti, coltivando sogni e desideri, consentiamo loro di conoscere, almeno in parte, quel che sono, cercando di fornire un modo per donare ai bambini un seme di giustizia, democrazia, non violenza.
E per spiegare loro che l’ironia, l’arte e la fantasia possono aiutare a superare momenti difficili.

Mezzi:

– attraverso un processo di esternazione e sdoppiamento, insito nelle tecniche di animazione teatrale
– con l’utilizzo dei diversi linguaggi della messa in scena teatrale, oltre ad alcune semplici tecniche di          costruzione delle figure animate e la loro manipolazione
– con la creazione di variopinte sceneggiature teatrali
– con l’utilizzo di diverse discipline artistiche

Modalità:

Attraverso un’esperienza ludica drammaturgica, divertente, multidisciplinare e fortemente contestualizzata nelle esigenze delle singole età. Non è semplice sviluppo della motricità o riproduzione banalistica della realtà, ma è considerare unico il soggetto, fare leva ai poteri creativi innati dell’alunno, che anche nei casi di maggior difficoltà scolastiche, contrariamente a quanto si possa immaginare, possiede notevoli capacità in questi contesti. L’atto espressivo-creativo coinvolge in maniera totale l’individuo, impegnandolo con una serie di processi sul piano biologico, percettivo, emotivo, intellettivo e sociale.

PERIODO, ORARI E SEDI ATTIVITÀ 2019/20
I laboratori hanno durata e orario variabili e personalizzabili e si svolgono presso la sede del Museo dei Burattini di Otello Sarzi o presso le sedi scolastiche, a seconda della diversa tipologia di progetto laboratoriale.

PRENOTAZIONI E CONTATTI
Le prenotazioni possono essere effettuate telefonicamente o via e-mail, contattando la segreteria
della Fondazione.

segreteria@fondazionefamigliasarzi.it

Telefono: 0522942738 – 3938338522

COSTI
Il costo varia a seconda della durata e tipologia dei laboratori e del numero di partecipanti.

Questo sito utilizza solo cookie tecnici propri e di terze parti per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

PRIVACY Informativa ai sensi dell’Art. 13 del D.Lgs. 196/03 Ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003 - “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito denominato “Codice”), Fondazione Famiglia Sarzi è titolare dei suoi dati personali e in questa veste è tenuta a fornirle informazioni in merito all’utilizzo degli stessi. FINALITA' DEL TRATTAMENTO I dati personali da Lei forniti possono essere trattati per finalità statutarie, nonché di informazione delle attività promosse dalla Fondazione o in collaborazione con essa. Modalità di trattamento dei dati In relazione alle finalità descritte, i dati verranno trattati tramite strumenti cartacei, informatici e telematici dal titolare e/o dagli incaricati del trattamento nel rispetto della normativa sopra richiamata e comunque mediante strumenti idonei a garantire la loro sicurezza e riservatezza. La informiamo inoltre che i dati personali da Lei conferiti potranno essere oggetto di trattamento esclusivamente per le finalità connesse al raggiungimento degli scopi per i quali vengono richiesti. I Titolari del trattamento possono nominare come Responsabili del trattamento anche soggetti terzi nell’ambito di convenzioni o atti stipulati con i Titolari al fine del raggiungimento dei soli fini di cui sopra. In particolare, gli indirizzi e-mail o i contatti telefonici che verranno importati saranno utilizzati esclusivamente per informazioni legate agli spettacoli, per comunicazioni circa variazioni di data oppure ora di inizio. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto decreto, La informiamo quindi che i dati personali da Lei forniti potrebbero essere trattati per le seguenti finalità: •adempimenti di obblighi fiscali, amministrativi e contabili; •invio di materiale informativo da Lei richiesto; •informazioni circa variazioni di data oppure ora degli spettacoli; •altre connesse alle finalità precedentemente indicate. Decreto Legislativo n.196/2003, Art. 7 Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti 1.L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2.L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a.dell'origine dei dati personali; b.delle finalità e modalità del trattamento; c.della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d.degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; e.dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. L'interessato ha diritto di ottenere: a.l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b.la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c.l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4.L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a.per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b.al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale TITOLARE DEL TRATTAMENTO Titolare del trattamento dei dati personali eventualmente trattati a seguito dell’utilizzo del portale internet è Fondazione Famiglia Sarzi, p.za Garibaldi 5 Bagnolo in Piano

Chiudi