MENU

La Fondazione Famiglia Sarzi

 

La Fondazione Famiglia Sarzi è composta da:

Consiglio di Amministrazione

Comitato scientifico

Soci e partners

1996 la Fondazione Famiglia Sarzi viene costituita, quando ancora Otello Sarzi è in vita, per volontà di 5 soci fondatori: il Comune di Bagnolo in Piano in Provincia di Reggio Emilia, la Camera del Lavoro di Reggio Emilia; la CNA Confederazione Nazionale Artigiani di Reggio Emilia; Otello, Gigliola e Mauro Sarzi e alcuni soci individuali, il Dott. Carlo Baldi e Alfonso Zirpoli, amici di Otello Sarzi.
La prima sede della Fondazione è a Pieve Rossa di Bagnolo in Piano (RE), in uno stabile di proprietà del Comune socio fondatore; tutt’ora la sede legale della Fondazione rimane presso il Municipio di Bagnolo in Piano.
Gli scopi della Fondazione si possono riassumere nella valorizzazione dell’opera artistica di Otello Sarzi Madidini, del patrimonio artistico di questi e della famiglia Sarzi Madidini; nella divulgazione e difesa del patrimonio italiano della Commedia dell’Arte e dei burattini che ne sono gli eredi; nella tutela e valorizzazione del patrimonio artistico e teatrale in genere, del suo passato e nel suo divenire storico.

2001 – scompare Otello Sarzi e la Fondazione orienta la sua attività maggiormente alla valorizzazione della sua opera. La sua scomparsa segna per la Fondazione un passaggio dalla proposta artistica diretta in prima persona dall’artista e da parte della famiglia, ad un lavoro di costruzione di attività culturali sulla sua eredità artistica e sul linguaggio del teatro
di figura. Nasce la necessità di organizzare un museo che illustri sia il valore dell’opera di Sarzi, sia la modernità del suo linguaggio, continuando la sua attività di formazione e di proposta culturale con mezzi nuovi e differenti.

2010 – la Fondazione lascia Pieve Rossa e si trasferisce nella città di Reggio Emilia, con l’obiettivo di aprire una nuova sede che possa anche accogliere un percorso museale.

2013 – viene inaugurata la nuova sede operativa e museo della Fondazione “La Casa dei Burattini”, in via del Guazzatoio a Reggio Emilia. Racconta, in un percorso espositivo rivolto ad adulti e ragazzi, la storia della famiglia Sarzi attraverso le loro creazioni – burattini, copioni, materiale di scena, ecc. – che comunicano il contenuto artistico del loro lavoro.
Dal 2013 fino al trasferimento della sede a Cavriago (RE), nel settembre 2017, la Fondazione organizza nei locali del centro storico spettacoli di burattini, iniziative culturali e laboratori per bambini, collaborando con scuole ed enti culturali di Reggio Emilia e provincia.

2015 – il patrimonio storico-artistico della Famiglia Sarzi è stato candidato da UNIMA (Unione Internazionale Marionette e burattini), insieme agli archivi di altre otto famiglie di burattinai in Italia, ad essere inserito nel registro dei Patrimoni da Salvare dell’UNESCO. Il percorso di riconoscimento è ancora in corso.

2017 – nel mese di agosto la Fondazione si trasferisce nella sede attuale in Via Buozzi a Cavriago, a poca distanza dal Comune di Reggio, in una sede più ampia che consenta di svolgere maggiori attività e di ampliarne gli ambiti, permettendo inoltre uno sviluppo del percorso museale più disteso e ricco. Prevede inoltre spazi per il restauro dei burattini, materiale di scena e recupero dell’archivio storico giacente nel magazzino di Reggio Emilia.
In questi anni la Fondazione ha fatto un salto di qualità aumentando la tipologia di proposte culturali e la nuova sede risponde maggiormente alle nuove e crescenti esigenze.

2017 – si sono stretti rapporti di collaborazione con enti culturali: Fondazione Rossi-Salvemini; Università degli Studi di Modena e Reggio; Istituto d’arte Gaetano Chierici

2017 – la Fondazione riceve l’incarico di allestire una sala per una mostra temporanea sul ghetto di Ferrara presso il Museo ebraico di Ferrara

2017/2018 – stagione di spettacoli a FICO Eataly World, Bologna

2018 – in primavera è stato nominato il nuovo Comitato Scientifico della Fondazione, comprendente anche nuove competenze culturali aderenti alle linee di crescenti proposte nei campi dell’uso del linguaggio del teatro di figura in ambito educativo e socio-sanitario. I componenti sono:
-Luigi Allegri: docente di storia del teatro di figura Università di Parma;
-Alfonso Cipolla: direttore dell’istituto per i Beni marionettistici e teatro popolare;
-Fulvio De Nigris: autore del libro “Otello Sarzi, burattinaio annunciato”;
-Mauro Sarzi: figlio di Otello Sarzi e burattinaio.

2019 – si apre la mostra dedicata ad Ernesto Rossi e al Manifesto di Ventotene, accompagnata da un documentario co-prodotto dalla Fondazione in collaborazione con la società Efhnos-Patmadoc sulla storia di Ventotene e della nascita del Manifesto.

Il 21 Giugno 2019 si è inaugurata l’apertura del nuovo allestimento museale con una cerimonia alla quale hanno presenziato autorità e cittadini, e con una serie di performance che hanno allietato l’evento.
Con l’inaugurazione del Museo si apre per la Fondazione una nuova stagione di attività.
Le visite al nuovo museo nel primo anno ammontano ad un migliaio e le proposte laboratoriali per scuole ed adulti trovano maggiori risposte.

Maggio/Giugno 2019 – si è siglato un accordo con la Scuola di Artiterapie di Lecco per arricchire l’attività della Fondazione con la branca di Drammaterapia, disciplina che interagisce con il teatro di figura. E’ iniziata una serie di attività sperimentali con risultati molto positivi, che hanno dato origine ad un nuovo indirizzo nell’attività della Fondazione.

Questo sito utilizza solo cookie tecnici propri e di terze parti per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

PRIVACY Informativa ai sensi dell’Art. 13 del D.Lgs. 196/03 Ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003 - “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito denominato “Codice”), Fondazione Famiglia Sarzi è titolare dei suoi dati personali e in questa veste è tenuta a fornirle informazioni in merito all’utilizzo degli stessi. FINALITA' DEL TRATTAMENTO I dati personali da Lei forniti possono essere trattati per finalità statutarie, nonché di informazione delle attività promosse dalla Fondazione o in collaborazione con essa. Modalità di trattamento dei dati In relazione alle finalità descritte, i dati verranno trattati tramite strumenti cartacei, informatici e telematici dal titolare e/o dagli incaricati del trattamento nel rispetto della normativa sopra richiamata e comunque mediante strumenti idonei a garantire la loro sicurezza e riservatezza. La informiamo inoltre che i dati personali da Lei conferiti potranno essere oggetto di trattamento esclusivamente per le finalità connesse al raggiungimento degli scopi per i quali vengono richiesti. I Titolari del trattamento possono nominare come Responsabili del trattamento anche soggetti terzi nell’ambito di convenzioni o atti stipulati con i Titolari al fine del raggiungimento dei soli fini di cui sopra. In particolare, gli indirizzi e-mail o i contatti telefonici che verranno importati saranno utilizzati esclusivamente per informazioni legate agli spettacoli, per comunicazioni circa variazioni di data oppure ora di inizio. Ai sensi dell’articolo 13 del predetto decreto, La informiamo quindi che i dati personali da Lei forniti potrebbero essere trattati per le seguenti finalità: •adempimenti di obblighi fiscali, amministrativi e contabili; •invio di materiale informativo da Lei richiesto; •informazioni circa variazioni di data oppure ora degli spettacoli; •altre connesse alle finalità precedentemente indicate. Decreto Legislativo n.196/2003, Art. 7 Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti 1.L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2.L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a.dell'origine dei dati personali; b.delle finalità e modalità del trattamento; c.della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d.degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; e.dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. L'interessato ha diritto di ottenere: a.l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b.la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c.l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4.L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a.per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b.al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale TITOLARE DEL TRATTAMENTO Titolare del trattamento dei dati personali eventualmente trattati a seguito dell’utilizzo del portale internet è Fondazione Famiglia Sarzi, p.za Garibaldi 5 Bagnolo in Piano

Chiudi